Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Archivi tag: tv

elena-e-sandraIl Club del Giallo dopo qualche problema “tecnico” è tornato in streaming su Piananotizie.it. Oggi 22 febbraio abbiamo parlato di serie tv (da quella che inizia stasera su RaiUno “la porta rossa” alle vecchie serie come Il Maresciallo Rocca, fino ai nuovi episodi del Commissario Montalbano) e poi, ovviamente anche di libri. Non solo. Abbiamo parlato anche dei nuovi appuntamenti del Club del Giallo alla Biblioteca CiviCa di Calenzano con il prossimo circolo di lettura che si terrà il 20 marzo alle 17.30 dedicato al libro di Gigi Paoli “Il rumore della pioggia”. Chi volesse partecipare può venire direttamente il 20 marzo oppure prenotare alla biblioteca la propria presenza.


cherif josy-clickCambio della guardia su Canale 38 Giallo, il canale tv dedicato alle serie del genere poliziesco e giallo. La terza (breve) serie di Cherif si è conclusa lunedì scorso lasciando i fan con il cuore sospeso: dopo due serie arriva il bacio (atteso) tra Kader Cherif e Adeline, ma lei se ne va a Parigi. La storia non è conclusa, infatti, Adeline se ne va da Lione per cercare di scoprire cosa c’è dietro la morte di suo fratello. Ma noi spettatori per sapere cosa accadrà dovremo attendere ancora, anche se sappiamo che la terza serie c’è già. La serie Cherif è stata una bella sorpresa. E non solo per la costruzione dei personaggi e il leggero umorismo del capitano Kader e per le storie, ma anche per il viaggio che noi spettatori facciamo a Lione. Paesaggi, scorci, colori, strade e non solo vengono raccontate nella serie tv aiutando lo spettatore a scoprire non solo il colpevole, ma anche una città.

Se Cherif se ne va arriva una nuova serie tv tedesca si tratta di Josy Click. Il primo episodio della serie va in onda lunedì 16 gennaio in prima serata. Josy è una poliziotta di Berlino e si annuncia una serie d’azione. Del resto i telefilm o le serie poliziesche gialle tedesche sono tra le migliori, vediamo se anche Josy Click lo conferma.


20170109_213136Lo so si dice sempre: meglio il libro del film. In alcuni casi, però, è buono anche il prodotto Tv penso a Montalbano (sceneggiatura dello stesso Camilleri -scrittore e sceneggiatore- che ha creato il personaggio e scritto libri sul commissario siciliano), penso a Manzini (scrittore, sceneggiatore autore dei gialli con protagonista il vicequestore Rocco Schiavone) e anche a Carlo Lucarelli che ha creato Coliandro nei libri, ma anche ricreato un nuovo Coliandro in Tv (complice anche la presenza dei Manetti Bros alla regia e l’attore Giampaolo Morelli). Non è così per I Bastardi di Pizzofalcone di Maurizio de Giovanni, libri che a me piacciono molto. La fiction in onda da lunedì 9 gennaio, secondo me, non è all’altezza dei libri. Lo so succede sempre (o quasi) così. Gli attori, Gassman per primo, sono molto bravi, quello che non mi convince molto è la sceneggiatura troppo frettolosa con dialoghi a volte banali, senza mordente per l’indagine, cosa completamente diversa dai libri dove si tiene il fiato sospeso, si vede Napoli e si entra nelle vite dei Bastardi. Questa è la prima impressione, vediamo se le prossime puntate saranno migliori.

Elena


banks veraFinale di stagione alla grande per Dci Banks ieri sera su Giallo Canale 38. La serie inglese ispirata al personaggio, Alan Banks creato da Peter Robinson, si è chiusa  lunedì 3 ottobre con due puntate di un episodio particolarmente bello. Per gli appassionati dell’ispettore Banks anche un finale a sorpresa. Al posto di Banks arriverà da lunedì 10 ottobre un’altra attesa serie Tv inglese: Vera. In Gran Bretagna sono già sei le stagioni andate in onda, da noi la serie è inedita. Anche questa fiction arriva in Tv da una serie letteraria, è tratta dai libri di Anna Cleeves che fino ad ora non sono stati tradotti in italiano. Protagonista della serie è Vera Stanhope interpretata da Brenda Blethyn, l’attrice de L’erba di Grace, per intenderci. Da quello che si dice in giro Vera è un tipo tosto, testardo alla ricerca del colpevole, qualcuno la paragona a una Montalbano d’oltre Manica, secondo altri, invece, la fiction sarebbe troppo teatrale, troppo ancorata allo stile letterario e molto simile come sviluppo dell’indagine al format della Signora in Giallo, la Jessica Fletcher che spopola da anni anche con le repliche. Staremo a vedere.

 

Elena


don-matteoDopo Padre Brown è sicuramente il prete-investigatore più famoso della Tv, anzi, per certi aspetti (o meglio generazioni) è il più amato: è don Matteo. La fiction approdata a Rai Uno nel 2000 con protagonista Terence Hill che dopo una giovanile stagione di pugni negli spaghetti-western insieme a Bud Spencer è diventato il prete in bisicletta che risolve i casi “gialli” meglio di chiunque altro. Dieci serie in totale per 220 episodi. Don Matteo piace anche se, rispetto ai primi anni in cui la fiction è andata in onda, ha ceduto il passo più all’aspetto “rosa” che al giallo. Piace al punto tale che Rai Uno ha deciso di riproporre le serie passate e adesso siamo alla numero 9: ogni domenica in prima serata l’intuitivo don Matteo in sella alla propria bicicletta risolve enigmi e riappacifica famiglie, mentre su Canale 5 va in onda la storia infinita de Il Segreto, la soap spagnola che sa tanto di “bolero” di Ravel. La sfida tra le due fiction popolari ha visto domenica scorsa 18 settembre arrivare testa a tesa Don Matteo con Il Segreto. In realtà è stata la soap spagnola a superare di un soffio il prete investigatore: 3,4 milioni di spettatori contro 3,3 milioni. Ma a vantaggio di Don Matteo sta il fatto che gli episodi riproposti sono in replica, quelli del Segreto no.

Elena


olivia ed elliotFacendo zapping alcuni anni fa ho incontrato Olivia ed Elliot. Non hanno bisogno di altre presentazioni perchè chi segue i telefilm (si dice sempre così?) dei vari canali televisivi non può non essersi imbattuto, anche per caso, in Law and Order Svu unità vittime speciali, il format creato da Dick Wolf con protagonisti Olivia Benson e Elliot Stabler e tantissimi altri personaggi. Ma i “veri” protagonisti sono loro Olivia e Elliot. E da quando Elliot ha lasciato la serie, beh, noi appassionati spettatori ci siamo un poco distaccati perché Olivia e Elliot erano come Stanlio e Ollio, come Gianni e Pinotto come Bonnie e Clyde come Raimondo e Sandra e se uno se ne va non è più la stessa cosa. Comunque tornando alla serie si può dire che è stata ideata nel 1999 ed è girata a New York. E’ spin-off di altre serie. La prima puntata è andata in onda negli Usa su Nbc il 20 settembre 1999 e in Italia il 13 settembre del 2001. I casting per gli attori sono stati fatti nella primavera del 1999 e fu un caso, una intuizione di Dick Wolf a scegliere Christopher Peter Meloni (Elliot) e Mariska Hargitay (Olivia) tra i molti attori che si erano presentati per il provino. Wolf disse che Meloni e Hargitay erano la coppia perfetta e così lo è stato per il telefilm, ma anche nella vita reale i due attori sono diventati amici tanto che Hargitay è stata madrina per il battesimo di uno dei figli di Meloni e questi sono gossip che a noi spettatori piacciono. La vita televisiva che si incrocia con quella reale. Proprio così e pare anche che Mariska Hargitay sia impegnata in una associazione di volotnariato no profit per l’assistenza alle persone che hanno subito abusi. Questa decisione sarebbe scaturita nel 2004, dopo che una telespettatrici così coinvolta dal telefilm avrebbe inviato una mail all’attrice per raccontarle della violenza subita in gioventù, fatto che non aveva raccontato mai a nessuno.

Succede anche questo. Qualche informazione su Meloni e Hargitay: Meloni è nato negli Usa il 2 aprile 1961 e come Elliot è doppiato dall’attore Massimo Rossi; Hargitay è nata il 23 gennaio 1964, ed è figlia di Jayne Mansfield l’attrice americana degli anni 50, è stata Reginetta di bellezza e ha continuato a lavorare alla serie tv Law and Order anche quando Meloni ha lasciato. In Italia è doppiata dall’attrice Laura Romano.

La foto (mi sarebbe piaciuto scattarla) è stata tratta da Google


dci banksSe ci sono investigatori “originali” che sembrano trovarsi per caso sul luogo del crimine questi somigliano molto ad Alan Banks. Devo dire che il suo stile british un poco rivisitato e questo suo procedere nelle indagini come “se fosse lì per caso”, mi ha conquistatato. Per adesso come serie Tv, ma presto molto presto anche con i libri. E’ proprio guardando la Tv che ho scoperto la serie DCI Banks, adesso su Giallo e ha catturato la mia attenzione. E’ una serie Tv britannica tratta dai romanzi gialli, ne ha scritti 16, di Peter Robinson (inglese, ma ora residente in Canada). La prima puntata della serie è andata in onda il 27 dicembre 2010. e’ composta da tre stagnioni e ognuna divisa in tre episodi a loro volta divisi in due parti. Sembra uno schema matematico, ma in realtà questa serie è particolarmente bella, anche nella realizzazione. Protagonista è l’ispettore Alan Banks interpretato da Stephen Tompkinson e doppiato in italia da Antonio Palumbo. A fianco a Banks c’è Annie Cabbot interpretata da Andrea Lowe e doppiata da Chiara Colizzi.

Ma chi è l’ispettore capo Alan Banks? Banks lavora alla stazione di polizia di Eastvale, l’immaginaria cittadina inglese dove l’ispettore capo vive, possiede un piccolo ufficio personale, arredato con una scrivania di metallo e due sedie, la sua finestra dà sull’affollata Market Square. Banks ha due figli, Tracy e Brian, nati dal matrimonio con la ex moglie Sandra, la quale si è poi risposata. Ama la musica e un fascino tutto particolare.