Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Un gran bel romanzo questo di Francesco Costa. Per niente “Gomorra style”, anzi è una favola nera che insegna sui codici della malavita partenopea molto di più di tante serie televisive. Si ride amaro a leggere le gesta degli abitanti di Orrore Vesuviano, il paese immaginario – ma immaginario per modo di dire – che si trova alle pendici del più grande vulcano attivo d’Europa. Tutti sono attratti dalla bellezza ammaliante della fioraia Aurelia Scala; tutti, buoni e cattivi, disposti per lei a versare tanto sangue. Ritmo incalzante, cinematografico (e infatti Costa è anche un ottimo sceneggiatore: dal suo romanzo “L’imbroglio nel lenzuolo” Alfonso Arau ha tratto nel 2009 un bel film): la vicenda scorre rapida come una colata di lava, fino al traumatico, irreparabile finale.

Semplicemente fantastica la copertina di Milo Manara: Aurelia “quanno màmmeta t’ha fatta…”.

 Orrore Vesuviano.png

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: