Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Archivi del mese: dicembre 2016

coliandroE adesso che Rocco Schiavone se ne è andato, noi spettatori appassionati dei libri di Antonio Manzini che per seguire la serie tv abbiamo disdetto anche alcuni appuntamenti il mercoledì sera, come faremo? Sarà dura atttendere nuovi libri e la nuova serie che dovrebbe essere pronta (pare) per il 2018, ma dovremo farcene una ragione. Oggi mercoledì mi sono chiesta: e stasera cosa c’è in tv al posto di “Rocco”? Ed è allora che ho capito che quelli del palinsesto Rai ci sanno fare: al posto di Rocco Schiavone questa sera torna (purtroppo con vecchie serie tv) l’ispettore Coliandro, irresistibile e affascinante pasticcione creato dalla penna di Carlo Lucarelli e tratto liberamente dai suoi romanzi e interpretato magistralmente da Giampaolo Morelli. Bene stasera la posto di Rocco arriva l’Ispettore Coliandro e noi appassionati di gialli siamo contenti.

Annunci

fbiSapete cosa significa FBI (effebiai)? Sapete quando è nata e dove? E sapete di cosa di occupa? Sapete quando è nata Scotland Yard e dove? E la sigla RIS cosa significa? Domande difficili? No per appassionati di polizieschi, gialli, noir queste sono domande base, diciamo così. Però a noi del Club del Giallo piace fare i quiz e visto che in questo periodo è stato rispolverato (con successo) il quiz dei quiz, il Rischiatutto anche noi abbiamo voluto entrare in gioco. Come? Giocando con chi vorrà farlo, domani lunedì 12 dicembre alle 21 alla biblioteca CiviCa di Calenzano. Si parlerà di gialli e del Natale e di fare alcuni quiz e regali per chi vince. Non ci credete? Per verificare (ogni giallista deve verificare) venite a CiviCa domani alle 21. Chi ama il Giallo ci segua…


amori-pasticciNon è proprio un giallo ma in realtà tiene incollati fino alla fine per sapere come si evolveranno le vicende dei protagonisti. E’ un giallo-rosa, un rosé insomma ma scoppiettante e pieno di bollicine, “Amore, pasticci ed altri guai” il libro scritto da Elena Andreini, giornalista di Piananotizie ma, soprattutto, per quanto ci riguarda, vicepresidente del Club del giallo, infaticabile curatrice del nostro blog, grande lettrice e profonda conoscitrice del genere giallo. Insomma una colonna insostituibile per la nostra associazione ma soprattutto una persona cui tutti dobbiamo davvero molto e a cui vogliamo un gran bene. Il libro di Elena, edito da Apice libri che ha già pubblicato anche i due volumi di racconti del nostro concorso Giallo fiorentino dedicato a Luca Bandini e che come sempre ringraziamo, sarà presentato il prossimo venerdì, 9 dicembre, alle 18 alla Libreria Rinascita di Sesto Fiorentino in piazza Ginori. Sarà una chiacchierata informale come è nel nostro stile ma speriamo divertente e speriamo che possiate partecipare davvero in tanti. Alla fine brinderemo insieme e ci faremo gli auguri di Natale magari anche grazie a qualche sorpresa della nostra chef a domicilio preferita, Caterina Sabrina Rossello. Intanto per stimolare la vostra curiosità vi diciamo che il libro è divertentissimo, si svolge in un paese immaginario della Piana fiorentina, Quintalto, dove si intrecciano rapporti, relazioni, invidie, avvenimenti anche fuori dall’ordinario legati all’inaugurazione di un complesso di nuove terme. Fra i protagonisti un sindaco amato da tutti, ma proprio tutti, una attrice dai riccioli biondi e tanti altri personaggi. Vi aspettiamo tutti venerdì, non mancate!

Sandra


vera-1E’ stata l’ultima e ci ha lasciato con il fiato sospeso: cosa nasconde il passato del padre di Vera? Un giallo nel giallo. Sto parlando di Vera, la serie televisiva di Giallo Canale 38 che ieri ha trasmesso l’ultima puntata della seconda serie. Bellissima serie tv, perfetta nella realizzazione, luoghi stupendi e una insuperabile e affascinante Vera interpretata da Brenda Blethyn. Le storie sono tratte dai libri di Ann Clevees purtroppo non tradotti in italiano, e in Gran Bretagna sono arrivati alla sesta serie. Vera Stanhope è un personaggio sui generis. E’ un ispettore che veste come l’ispettore Colombo, intuitiva e sbrigativa, riesce sempre ad arrivare alla soluzione alternando metodi bruschi a quelli più dolci. E’ affiancata dal sergente Joe Ashworth (interpretato dall’attore David Leon) più giovane che però resta affascinato dalla personalità di Vera. La serie tv è andata in onda il lunedì alle 21 e dalla prossima settimana sarà sostituita da un’altra bella serie tv, questa volta francese: Cherif. Ambientata a Lione, quella che verrà trasmessa dal 12 dicembre alle 21 sul canale 38 Giallo sarà la terza serie. Cherif è diverso da Vera, è un capitano della squadra anticrimine di Lione, che ama le serie tv, poco propenso a stare in ufficio (che è di fronte alla sua abitazione) ama stupire. Negli ultimi anni Cherif è stato il miglior poliziotto nella soluzione dei crimini accaduti. E’ affiancato dal capitano Adeline Briard, figlia del direttore della polizia giudiziaria di Parigi, trasferitasi a Lione dopo il suicidio del fratello, diversa nei metodi e nella filosofia da Cheri. Cherif è interpretato dall0attore Abdekhafid Metalsi.


libreriaHo conosciuto il “babbo” di Sherlock Holmes nel corso di una vacanza in montagna, all’ombra del Monte Bianco. A corto di libri, da Entrèves puntammo naturalmente sulla più animata Courmayeur, sul cui corso principale apriva la sue vetrine una fornita libreria. E così l’occhio cadde sulla saga di sir Nigel Loring, il celebre capitano della Compagnia Bianca, e del “Principe Nero”, Edoardo di Woodstock. Era con questi libri, ambientati nel 1300, che Artur Conan Doyle intendeva conquistare l’alloro della celebrità. Che invece gli arrivò con l’investigatore dallo sguardo acuto e penetrante, il naso sottile aquilino, l’aria vigile e decisa.

Il suo fu un successo così vasto e incondizionato da conferire al personaggio le caratteristiche della realtà, di un uomo in carne ed ossa, e insieme dell’eternità. Per soddisfare i lettori, scontenti del fatto che l’autore ne avesse decretato la morte, per quanto provvisoria, presso la cascata di Reichenbach, prese vita e fiorì in vari paesi il fenomeno degli “apocrifi”, racconti e romanzi che hanno Holmes come protagonista ma che non fanno parte del cosiddetto Canone del detective di Baker Street.

Una storia produttiva ricchissima, che ha avuto ed ha anche in Italia i propri cultori, autori e followers, riviste specializzate e blog.

E’ uscito in questi giorni in edicola il volumetto dei Gialli Mondadori dedicato ad una scelta di apocrifi italiani (“Sherlock Holmes in Italia”), 28esimo di una serie che ha due anni di vita al suo attivo. Tra gli autori, tutti all’altezza del difficile compito di proporre un “buon apocrifo”, costruito secondo le regole di scrittura, intreccio, ambientazione storica ricordate nell’utile postfazione da Luigi Pachì, ricorderò due firme ben conosciute in terra toscana: Luca Martinelli, che nel suo “L’avventura della corsa Lonra-Brighton” ricostruisce abilmente una gara automobilistica realmente svoltasi il 14 novembre 1896 (testimone lo scrittore umoristico Jerome K. Jerome, che compare fugacemente nel testo); ed Enrico Solito, che con la sua “Avventura di un maratoneta italiano” propone una suggestiva versione della vicenda di Dorando Pietri, l’atleta italiano passato alla storia per il drammatico epilogo della maratona ai Giochi olimpici di Londra 1908.

Per gli amanti del genere, prove del tutto convincenti da parte (sia detto amichevolmente) di “un simposio di pazzi scatenati, ossessionati dal mito” holmesiano (parole di Luca Martinelli). Perchè questi sono aprocrifi, sì, ma non scritti da apostati.

Susanna Cressati


te-del-venerdiUn piacevole pomeriggio parlando di libri e sorseggiando il tè: è quanto avvenuto ieri 2 dicembre al Tè del venerdì il talk show semiserio di Sesto Tv e Piananotizie. Grazie alla disponibilità e all’invito di Sesto Tv, ieri pomeriggio alle 18 il Club del Giallo, in quel caso Sandra ed io abbiamo avuto a disposizione un’ora in streaming dal titolo “Giallo e nero tutti i colori della cultura” per parlare di gialli di ieri e di oggi nei libri e in tv con due amiche: la collega giornalista Rebecca Romoli e la comandante della Polizia municipale di Calenzano Maria Pia Pelagatti. Si è parlato dei nostri autori preferiti da Lucarelli a Manzini, da Camilleri a Macchiavelli, da Dexetr a Malvandi e Robecchi e poi delle serie tv da Vera a Rocco Schiavone all’Ispettore Sarti. Se volete potete vedere la trasmissione e inviarci i vostri consigli di lettura.

Elena