Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Ruvida e intrigante è la serie Rought Justice

Ogni tanto mi piace guardare quello che la tv di altre nazioni propone e cercando qua e là ho trovato una serie appassionante è Rough Justice. E’ una serie tv belga ambientata ad Anversa dove ha sede la polizia criminale. A capo della sezione c’è il commissario Liese Meerhout interpretata dall’attrice Hilde De Baerdemaeker. Seria, apparentemente poco collaborativa, è un commissario “solitario”. Si occupa dell’anziano e malato padre che la sogna sposata e con figli, ma il commissario ha altri gusti. Fuma e suona la batteria. Ha metodi bruschi e poco diplomatici nel condurre l’indagine e in molti casi si affida al suo istinto. Gli altri colleghi del Commissario sono Michel Masson il poliziotto più anziano del gruppo, con la quale Liese ha un feeling. Sofie Jacobs soprintendente con la quale non c’è armonia e il giovane Ludovik.

La storia è basata sui un romanzi di Toni Coppers che ha iniziato la serie di Liese Meerhout nel 2008 con il libro “Niente è mai” e, per il quale, ha avuto la nomination al Premio Hercule Poirot.

Se vi capita guardate questa serie la trovate su DPlay Canale 38 Giallo.

Elena

Annunci

Fiction di qualità, torna La porta rossa. La seconda serie tv creata da Lucarelli

Per gli appassionati di serie tv poliziesche, originali e di qualità ecco in arrivo domenica 13 gennaio 2019 su RaiDue “La porta rossa”, mentre la seconda serie “La porta rossa 2” andrà in onda da febbraio prossimo. Il ritorno, dopo una lunga attesa, di quello che secondo me è stata una delle serie tv più interessanti e avvincenti. Torna la prima serie per chi non ha potuto vederla. La porta rossa, la prima serie è andata in onda sempre su Rai Due dal 2 al 22 febbraio 2017 ottenendo un grande successo di pubblico. Merito della storia ben costruita da parte di due grandi scrittori come Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi, di una regia perfetta di Carmine Elia e di ottimi attori come Lino Guanciale, Valentina Romani, Gabriella Pession, Fausto Maria Sciarappa, Antonio Gerardi, Elena Rasonicich, Ettore Bassi, Gaetano Bruno, Cecilia Dazzi, Alessia Barela, Raniero Monaco di Lapio e Pierpaolo Spollon. La trama confina con il fantastico, si sviluppa a Trieste (bellissima e insolita). Protagonista il commissario Leonardo Cagliostro interpretato da Guanciale che muore in un agguato nella prima puntata. Non riesce ad attraversare “la porta rossa” che segna il confine tra la vita e la morte diventando quindi un fantasma. Questa sua condizione lo porterà a conoscere i motivi del suo agguato e grazie ad una giovane medium Vanessa riuscirà a salvare sua moglie Anna. Le riprese della seconda serie sono terminate nell’ottobre scorso. Il cast è rimasto il solito più o meno, ma questa volta Cagliostro dovrà cercare di salvare la vita di sua figlia.

Elena

Spin, comunicazione, politica… un giallo avvincente in tv

La comunicazione, il potere, la politica. Tutto questo è Spin la serie tv francese che si può trovare su Dplay. Sono due stagioni ciascuna composta da 6 episodi, direi avvincenti episodi.

La trama. Siamo ai giorni nostri. Il presidente francese viene assassinato. Parte subito la corsa a nuove elezioni. Occorre un nuovo capo di Stato e non si può attendere molto. Mentre la politica cerca i nomi dei candidati entrano in scena per la campagna elettorale due spin doctor. E’ su quel piano, sul piano della comunicazione, infatti, che si gioca tutta la campagna elettorale. Di fronte (anche se dietro  le quinte) si trovano Simon esperto, maturo e dai principi morali saldi e il giovane Ludovic cresciuto alla scuola di Simon ma spietato e ambizioso. Sarà una guerra dura e senza limitazioni di colpi. La campagna elettorale va avanti. i candidati si sfidano e intanto si accendono le luci sui retroscena della politica parigina tra relazioni pericolose, desideri proibiti, scandali, mogli, figli e amanti.

Assolutamente da vedere è un bel giallo. Sottotitoli in italiano.

Elena

Conclusa la 12 ore di lettura: esperienza che ripeteremo. Grazie a tutti

La 12 ore di lettura si è conclusa. E noi del Club del Giallo dobbiamo ringraziare tutti: dai nostri soci, alle associazioni con le quali abbiamo portato aventi questa maratona di lettura, dai Comuni che ci hanno dato il patrocinio e agli amministratori che hanno partecipato leggendo un libro a loro caro. Ringraziamo soprattutto gli amici di Sesto Tv che dalle 10 alle 22 del 24 novembre sono stati negli studios di Colonnata a Sesto Fiorentino per permettere che la maratona di lettura diventasse un momento di condivisione grazie allo streaming. Ringraziamo Giallo Pistoia, la biblioteca CiviCa di Calenzano e Radio Geronimo che ha preso il testimone dalle 18 alle 22 in perfetta sintonia con il progetto. E’ vero, ci sono stati dei black out, per motivi tecnici, e di questo ci scusiamo con chi ha seguito l’intera 12 ore di lettura. E’ stata la prima esperienza di questo tipo che ha collegato in streaming tre realtà associative diverse. La prossima volta faremo meglio. Il Club del Giallo vuole ringraziare tutti gli amici che sono venuti a leggere facendoci partecipi del vostro amore per i libri, leggendo alcune pagine del libro preferito. Grazie perché leggere fa bene alla mente, certo, ma anche al cuore e fa crescere il numero degli amici.

Sabato 24 novembre la “12 ore di lettura” la maratona letteraria in streaming

Vi piace leggere? Vi piace leggere a voce alta? Vorreste consigliare un libro? Partecipate alla “12 ore di lettura” la maratona di lettura che coinvolge quattro comuni, quattro associazioni e due biblioteche. Sabato 24 novembre dalle 10 alle 22 tra Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio e Pistoia si terrà la “12 ore di lettura”.

La 12 ore di lettura nasce con l’idea di far conoscere i libri e fare apprezzare la lettura ad alta voce, invogliare a leggere un libro facendone “assaggiare” una piccola parte. La maratona di lettura si terrà sabato 24 novembre dalle 10 alle 22 e vedrà coinvolti quattro comuni (Sesto Fiorentino, Pistoia, Campi Bisenzio e Calenzano) che hanno dato il patrocinio, quattro associazioni (Il Club del Giallo di Sesto Fiorentino, Sesto Tv Web, Radio Geronimo di Campi Bisenzio) e le biblioteche San Giorgio di Pistoia e CiviCa di Calenzano.

La 12 ore di lettura si svolge come una staffetta letteraria e sarà in streaming sia sul social Facebook che su Youtube e Sestotv.
Il via della maratona di lettura sarà alla sede del Club del Giallo e di Sesto Tv Web (Unione operaia di Colonnata piazza Rapisardi 6 a Sesto Fiorentino) dove le letture si terranno dalle 10 alle 14 e poi dalle 14 alle 18 si sposterà alla biblioteca San Giorgio di Pistoia con l’associazione Giallo Pistoia e dalle 18 alle 22 si sposterà a Radio Geronimo.

Hanno dato la propria disponibilità a partecipare il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, l’assessore di Sesto Fiorentino Massimiliano Kalmeta, il sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, il sindaco di Calenzano Alessio Biagioli e l’assessore alla cultura di Calenzano Irene Padovani.

Modalità di svolgimento: ogni partecipante ha 10 minuti per presentarsi (nome, cognome, autore, titolo del libro e pagina della lettura). In totale ogni ora ci sono 6 persone.
Chi può partecipare: solo i maggiorenni. Non possono partecipare gli autori che vogliono leggere i propri libri.

Cosa possono leggere: qualsiasi genere letterario.

La mail di partecipazione è: sesto@maratonadilettura.it

 

A noi che… piace l’Ispettore Coliandro

Chi ama l’ispettore Coliandro non guarda l’auditel, guarda l’ispettore più pasticcione e irresistibile della Tv e basta. Perchè questa precisazione? Solo per ribadire che la settima serie o Coliandro Il ritorno 3, è stata superlativa, tra fumetto, tv, pulp, ha raggiunto il 10% e poco più di share ed è stato “battuto” dalla popolare trasmissione di Rai Tre Chi l’ha visto?. L’Ispettore Coliandro è andato in onda,il primo (bellissimo) episodio mercoledì 14 novembre su Rai Due, rete questa che ultimamente sta dando grandi soddisfazioni: da Coliandro a Rocco Schiavone. Pasticcione, testardo, con il senso della giustizia e della legalità, Coliandro si mette sempre nei guai, ma riesce (miracolosamente) a risolvere i casi. Nato dalla penna di Carlo Lucarelli che insieme a Rugosi cura anche la sceneggiatura della serie Tv, in video la serie porta la firma dei Manetti Bros. Confermato il cast: Giampaolo Morelli è Coliandro, Paolo Sassanelli è Gamberini detto Gambero, Giuseppe Soleri è l’amico Gargiulo, Veronika Logan la Sostituto procuratore Longhi, Alessandro Rossi il capo della Squadre Mobile De Zan, Caterina Silva e Benedetta Cimatti le colleghe Bertaccini e Buffarini. In questa serie saranno presenti anche alcuni ospiti: Francesco Pannofino (nel primo episodio) e poi Iva Zanicchi, Claudia Gerini, Serene Rossi, Gian Marco Tognazzi e Paolo Calabresi. Il primo episodio è stato irresistibile: una trama pulp incredibile con l’incursione di fumetti e il finale inimaginabile. Nel prossimo episodio, il 21 novembre Coliandro incontrerà un “vecchio” personaggio, Giacomino accusato di una serie di omicidi.

Elena

L’ordine delle cose, ogni regola ha la sua eccezione

Paola Capriolo, “L’ordine delle cose”. Ogni regola ha la sua eccezione:  questa volta niente vecchi gialli da riscoprire ma una pubblicazione del 2015 che, secondo me, merita un’attenzione particolare, un libro originale sia nella trama che nel metodo di scrittura, un libro che è fuori commercio, lo trovate solo nelle Biblioteche, e per il quale la Capriolo ha rinunciato ai diritti d’autore. L’idea parte da un’iniziativa dal nome intrigante “Io leggo perché” che ha coinvolto editori, autori, biblioteche, tutti riuniti con lo  scopo di far capire quanto può essere appagante e coinvolgente farsi sedurre dalla pagina scritta. Un progetto nato per festeggiare – il 23 aprile 2015 – la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore.

Immaginate un futuro prossimo e forse non troppo venturo : potete cliccare sul sito www.desire.com e scegliere ciò che desiderate. Potete trovarci fiabe per bambini, musica di tutti i tipi, viaggi virtuali, consigli che vi aiutano a risolvere problemi di salute o ad organizzare una cena importante, gossip… anche un’esecuzione capitale in diretta, se volete, e tanta, tantissima pubblicità collegata al fatto che sul sito si possono fare acquisti di tutti i generi. Motto della Società DESIRE è “Io penso ottimista” e tutti i collaboratori vengono motivati attraverso riunioni periodiche assolutamente inutili nella sostanza ma pensate al fine di plagiare psicologicamente i dipendenti. La giovane Sabrina è una di loro,  sente di appartenere anima e corpo alla “grande famiglia” della DESIRE, è felice e appagata del suo lavoro e della sua vita. Sabrina è la Fairy Queen, la fata che inventa e scrive le favole del Fairy Corner, favole in cui viene abilmente inserita pubblicità non tanto occulta  per suggestionare i giovani consumatori.  Un incontro, non casuale come sembra all’inizio, cambierà tutto. Ci sarà un omicidio e l’arresto del colpevole ma la perversa logica dei social ribalterà la situazione. E Sabrina? Non aggiungo altro, leggetelo… se riuscite a trovarlo, vi farà riflettere. 

Donatella Fabbri